Storia dell'Arte tra Simbolo e Mito

Arte e Simbolo

Arte e Simbolo - M.C. Hescher - Angeli e demoni
Significato Simbolico delle Figure Geometriche
Centro e Punto
Cerchio
Croce
Quadrato
Triangolo
Spirale
Ruota
Solidi Platonici 1 Solidi Platonici 2 Solidi Platonici 3
 
Significato dei Numeri
     
Significato dei Colori
     
Simbologia degli Animali
Corallo    
Significato dei Fiori e delle Piante
     
Simboli di Spazio e Tempo
     
 

Arte e Simbolo: Generalità

 

In questa sezione di “Storia dell’Arte tra Simbolo e Mito” verranno esaminati alcuni aspetti del rapporto tra Arte e Simbolo.

Le opere d’arte che ci circondano, da qualunque cultura esse provengano, costituiscono uno sconfinato repertorio di simboli di cui l’uomo contemporaneo ha in gran parte perso il senso recondito.

Quando appare, il Simbolo è sempre parte integrante dell’opera, ne costituisce la chiave di lettura, anzi molto spesso il manufatto artistico si presenta come il semplice veicolo di trasmissione del simbolo stesso.

Arte e Simbolo si possono considerare imprescindibili l’una dall’altro nella storia dell’umanità fino dalle sue origini.

Porta del sepolcro di Kefer Yesef

Da quando l’uomo ha sentito la necessità di comprendere la propria esistenza e il mondo che lo circonda, egli ha contemporaneamente espresso tale esigenza con l’ausilio di forme artistiche, attraverso manufatti che non avevano soltanto una qualche funzionalità quotidiana, ma che presentavano nella loro struttura parti che si collegavano a una realtà “altra”.

Il legame che si stabilisce tra Arte e Simbolo porta a considerare il fare artistico come un linguaggio “esemplare”, in quanto l’arte produce delle forme simboliche aventi funzione di termini di riferimento, di “matrici” di tutti i tipi di segni usati per comunicare.

Porta del sepolcro di Kefer Yesef Da un altro punto di vista, l’arte può essere considerata il linguaggio “esemplare” anche perché rende espliciti simboli che assumono valori di “verità” e di “sacralità”, anche quando questi non vengano più riconosciuti dal “sentire comune”.
L'Arca sull'Ararat - Cattedrale di Autun -  Francia

La concretezza che l’arte dona al simbolo rende quest’ultimo strumento di comunicazione.

Questo costituisce uno degli aspetti fondamentali della relazione tra Arte e Simbolo, riconoscibile universalmente.

In particolare Arte e Simbolo si uniscono per rendere visibile il sacro nella quotidianità.

L’arte diventa in tali casi l’attività per eccellenza produttrice di simboli, attraverso modalità diverse nel tempo e nello spazio.

L'Arca sull'Ararat - Cattedrale di Autun Francia Nel processo artistico intervengono però numerosi altri elementi che contribuiscono a caratterizzare un’opera d’arte come il prodotto di una data cultura.
Arte Cipro-micenea - Enkomi - Vaso - XIV-XIII sec. a.C.

Un primo gruppo di elementi ruota attorno al rapporto tra Natura e Arte ed è costituito dai segni simbolici impiegati nel processo artistico.

Tali segni sono stati interpretati dalle varie correnti filosofiche in modo antitetico.

Per alcuni studiosi essi sono forme simboliche che l’uomo lascia nel mondo per sottolineare la sua autonomia dalla natura.

In tali casi il processo artistico conferisce alla materia una forma considerata peculiare dell’umanità.

Arte Cipro-micenea - Enkomi - Vaso - XIV-XIII sec. a.C. Al contrario, per altri indirizzi di pensiero questi segni si rifanno a prototipi già presenti nella natura, che l’uomo imita, cercando di continuare nel processo creativo l’operato della natura stessa.
Significato del Corallo: Il Rosario e il buon auspicio - Scuola di Sanchez de Coello - L'Infanta Isabel Clara Eugenia - 1585 circa

Un secondo gruppo di elementi presenti nel processo artistico si riferisce alla sua funzione sociale.

Essi sono stati analizzati da diverse correnti di pensiero tra Ottocento e Novecento.

Accanto a teorie che indicano l’arte come un’attività che ha come suo unico fine la sua propria esistenza e la ricerca del “bello ideale”, si sono susseguite nel tempo altre definizioni.

Una di queste intende l’arte come gioco ossia come la produzione di segni e simboli intesi come regole arbitrarie delimitanti uno spazio e un tempo staccati dalla quotidianità.

Il Rosario e il buon auspicio - Scuola di Sanchez de Coello - L'Infanta Isabel Clara Eugenia - 1585 circa In tale accezione l’arte assume la funzione sociale di garantire uno spazio di libertà condivisa e accettata dal gruppo sociale di appartenenza.

Le dottrine che pongono l’accento sul condizionamento economico e politico della cultura considerano invece soprattutto le funzioni di conoscenza e di riscatto sociale potenzialmente presenti nell’operare artistico.

A seconda di come questi elementi vengono presi in considerazione l’opera d’arte assume un diverso significato.

William Blake - Pegaso

Inoltre, il prodotto artistico prende valenze diverse a seconda di chi lo considera.

Esso può essere:

chi lo esegue o produce in un determinato contesto storico-culturale;

chi ne fruisce immediatamente e pertanto ne riconosce lo scopo per cui è stato creato;

chi ne fruisce in un’epoca successiva, conservando il ricordo della sua funzione oppure perdendolo e pertanto dandone un nuovo significato e un nuovo uso.

William Blake - Pegaso Considerando queste varianti, possiamo affermare che il rapporto tra Arte e Simbolo varia in maniera non indifferente nel tempo e nello spazio.

Pertanto tale relazione può essere ricostruita per ogni epoca solo in maniera ipotetica attraverso i manufatti e le testimonianze giunte fino a noi.

A questi si aggiungono le corrispondenze trovate nell’uso e nel significato dato ad alcuni segni, figure, colori, oggetti in culture anche molto diverse tra loro.

Statuetta in calcare - Calcolitico - Cipro - 3000 a.C. circa

La ricerca in tale campo può dirsi infinita e pertanto in questo sito ci occuperemo esclusivamente del rapporto tra Arte e Simbolo nella “Cultura Occidentale”, intesa come erede della tradizione greco-romana da un lato e di quella del Vicino Oriente, dall’altro.

Alcuni Simboli provengono fino a noi dal lontano Paleolitico.

Rielaborati nel Neolitico e nelle Età successive, si trovano alla base della Cultura Greca e successivamente di quella Romana.

Statuetta in calcare - Calcolitico - Cipro - 3000 a.C. circa Arte e Simbolo in queste civiltà si legano inoltre a una peculiare elaborazione del Mito che, in forme a volte impensabili, è giunta fino a noi.
La creazione degli astri - Duomo di Monreale - 1172-1176

L’arte medievale conserva e allo stesso tempo rielabora in un’ottica cristiana i simboli e i miti della classicità, che a sua volta li aveva ereditati dalla notte dei tempi, in molti casi deformandoli essa stessa.

In epoca paleocristiana immagini simboliche di origine classica vennero utilizzate dalle comunità cristiane poiché apportatrici di significati di rinascita, di protezione o di speranza nell’aldilà profondamente affini al pensiero cristiano delle origini.

La creazione degli astri - Duomo di Monreale - 1172-1176  
Leonardo da Vinci - Uomo Vitruviano

Da queste immagini partì il peculiare rapporto tra Arte e Simbolo instauratosi durante tutto il Medioevo pur con tutte le varianti apportate nel tempo.

Il recupero della cultura classica operato dall’Umanesimo e dal Rinascimento porta studiosi e artisti a interessarsi alla simbologia di civiltà per loro sconosciute, come l’egizia o la caldea, comprensibilmente fraintendendole e in questo modo creando nuovi meccanismi di evidenziazione del simbolo.

Leonardo da Vinci - Uomo Vitruviano  
Giambattista Tiepolo - Allegoria dei Continenti

Nei secoli che seguirono Mito, Arte e Simbolo sono sembrati allontanarsi gli uni dagli altri attraverso una differenziazione dei generi e il sopravvento dell’Allegoria e dell’Emblema.

I Simboli e i Miti sono stati impiegati in questo periodo soprattutto con altre intenzioni, come la soddisfazione del piacere estetico o la glorificazione di personaggi o istituzioni, relegando il Sacro, che essi avrebbero dovuto rivelare, in episodi marginali della storia culturale.

Giambattista Tiepolo - Allegoria dei Continenti  
Marcel Duchamp - Il Grande Vetro

Nel Novecento l’avvento delle nuove scienze umanistiche, come l’antropologia, l’archeologia, la storia delle religioni, la psicologia del profondo, unito alla nuova libertà acquisita nei confronti della committenza, ha portato alcuni artisti a riconsiderare il rapporto tra Arte e Simbolo, cercando di ricostruirlo attraverso nuove modalità, frutto di sperimentazioni sulla forma e sul contenuto.

Queste nuove opere possono considerarsi il tentativo più o meno conscio di rinsaldare la relazione tra Arte e Simbolo, lentamente ridottasi nella cultura occidentale a partire dall’epoca moderna.

Marcel Duchamp - Il Grande Vetro  

Queste note generali sono da premessa alle pagine che seguiranno in cui, dopo avere considerato il Significato del Simbolo, per mezzo dell’analisi di Termini a esso correlati, la sua Natura e le sue Funzioni, verranno esaminati i seguenti gruppi di simboli:

Croce con i Vangeli - Epoca Paleocristiana In Significato Simbolico delle Figure Geometriche, si partirà con una definizione generale, quindi si descriveranno le quattro figure geometriche fondamentali, il Centro, il Cerchio, la Croce e il Quadrato, e si proseguirà con altre figure correlate a queste.
Croce con i Vangeli - Epoca Paleocristiana  
Albrecht Durer - Melencolia I In Significato dei Numeri,dopo una considerazione generale sul numero, verranno analizzati i significati simbolici dei numeri principali, i loro rapporti con le figure geometriche e il loro utilizzo in alcuni momenti della storia dell'arte.
Albrecht Durer - Melencolia I  
Joan Mirò - The gold of the azure In Significato dei Colori verranno addottati medesimi criteri di scelta e si individueranno per ogni colore i rapporti che lo legano a numeri, figure geometriche, miti e simboli dell’uomo.
Joan Mirò - The gold of the azure  
Albrecht Durer - Madonna degli Animali In Simbologia degli Animali, all’introduzione all’argomento faranno seguito alcuni esempi di animali reali utilizzati come simboli e di animali immaginari raffigurazione di miti e simboli.
Albrecht Durer - Madonna degli Animali  
Giuseppe Arcimboldi - L'Inverno In Significato dei Fiori e delle Piante, alla panoramica iniziale seguirà l’analisi di alcuni miti e simboli in cui i fiori e piante sono diventati paradigma della condizione umana.
Giuseppe Arcimboldi - L'Inverno  
Macrocosmo - Le livre des sept ages du monde - 1460 circa In Simboli di Spazio e Tempo, dopo aver definito queste due categorie e le loro relazioni, si faranno degli esempi di miti e simboli a loro attinenti e a delle espressioni figurative riscontrate nella storia dell’arte.
Macrocosmo - Le livre des sept ages du monde - 1460 circa  

Ogni Simbolo preso in considerazione verrà corredato da alcune immagini di opere d’arte di varie epoche che esemplificheranno alcune interpretazioni e usi che ne sono stati fatti, ponendone tuttavia in evidenza lo specifico significato universale.

(Testo di Antonietta Zanatta)

home page

inizio